Italia affascina Mc Dowell (Senatore Usa) per le rinnovabili: collaborazione in vista

 

Il senatore americano Harry Mc Dowell ha di recente presenziato al Caab di Bologna (Centro agro-alimentare di Bologna) ed è rimasto positivamente colpito dall’attività svolta dal Centro nei confronti dello sviluppo delle energie rinnovabili: se il centro può infatti contare su oltre 100 mila metri quadrati di superficie relative ad installazioni a tetto di impianti fotovoltaici, il risultato non può certo essere ignorato. Ed infatti, l’interesse potrebbe sfociare in una collaborazione tra gli stessi Stati Uniti e l’Italia, con fondi e finanziamenti interessanti.

Infatti, lo stesso senatore Usa e collaboratore e consulente dell’attuale Presidente degli Stati Uniti Barak Obama ha sottolineato la capacità del Centro agro alimentare di Bologna di saper utilizzare le risorse economiche e umane per raggiungere risultati immensi in breve tempo. Per questo, come lo stesso senatore ha ribadito, c’è l’intenzione di intrecciare i rapporti tra Usa e Italia per lo sviluppo di un progetto già implementato negli States: in particolare si tratta di un progetto relativo al Delaware, e in cui si sta cercando di produrre energia installando impianti a risorse rinnovabili, coprendo la totalità dei costi per la ristrutturazione e la riqualificazione degli edifici. Quindi non dovendo chiedere sforzi ai cittadini. Si parla di 74 milioni di euro da investire in questo tipo di collaborazione (solo per la fase di start dei lavori, in seguito i finanziamenti aumenterebbero di volume) esclusivamente orientata all’energia Green. I lavori consentiranno di riqualificare gli edifici e ristrutturarli in maniera da non dover gravare sulle spalle dei contribuenti.

La città di Bologna e il centro del Caab hanno dato mostra di saper implementare nel breve impianti e risorse rinnovabili, a partire dal riutilizzo dei rifiuti alimentari per finire con la produzione energetica da fotovoltaico. A questi si aggiunge un progetto di sviluppo di mobilità sostenibile: implementando vetture ad alimentazione elettrica al fine di ridurre il traffico e le emissioni nocive nel centro della città felsinea.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*