BAGNO CHIMICO E BAGNO IDRICO: DIFFERENZE E PREZZI

Sia che si parli di bagno chimico che di bagno idrico, ci si riferisce in ogni caso in genere a toilette mobili, ovvero le classiche cabine che vengono utilizzate per i cantieri, per i concerti e in generale per i grandi eventi o comunque per le varie situazioni in cui è necessario l’accesso ad un bagno, ma per questioni di logistica o di impellenza, risulta impossibile (o poco pratico) installare un vero e proprio bagno fisso. Vediamo insieme punti in comune e differenze per cercare di capire quando risulta più idoneo l’uno e quando invece è più appropriato l’altro.

Cosa distingue il bagno chimico da quello idrico

Il bagno chimico è quello a cui si è più spesso abituati nel contesto di manifestazioni, eventi o festival vari, ma anche quello che si può notare in città passeggiando in prossimità di un cantiere. Il bagno chimico è la toilette mobile per eccellenza: pratico da trasportare data la leggerezza dei materiali da costruzione e installabile in modo rapido e veloce grazie al suo particolare funzionamento. Questo tipo di strumento non necessita infatti di alcun collegamento ad un sistema fognario. Grazie all’utilizzo di detergenti e di agenti sanificanti, questo genere di bagno mobile può essere installato praticamente ovunque, senza doversi preoccupare di dover far defluire i residui, almeno fino al raggiungimento della capienza massima della vasca di raccolta.

I bagni idrici invece, al contrario di  quelli chimici, devono essere per forza collegati ad una rete idrica e fognaria, pur essendo comunque in qualche modo mobili, dal momento che possono essere spostati e installati nel luogo più adatto alle esigenze del cliente, chiaramente sempre tenendo in considerazione la logistica dell’allacciamento.

Da questa differenza nel funzionamento scaturisce una diversificazione dell’uso dell’uno o dell’altro bagno mobile.

Bagno chimico e idrico: la differenza

Una precisazione finale è però d’obbligo. Tenendo in considerazione questa differenza, non bisogna però pensare che i bagni idrici siano la versione imperfetta di quelli chimici; più semplicemente i due prodotti soddisfano esigenze di tipo differente. Nel primo caso infatti, l’impiego principale del bagno mobile è quello che riguarda eventi limitati nel tempo e in movimento, che permettano la gestione della mole di rifiuti da smaltire. Nel secondo caso il bagno mobile risponde alle esigenze di chi intende farne uso per un periodo di tempo indefinito e solitamente più prolungato.

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*