Case in bioedilizia: tutte le garanzie di naturalezza

Negli ultimi anni ci imbattiamo quotidianamente nella parola “bio”. Parliamo di cibo biologico, di abbigliamento biologico, edilizia biologica o per meglio dire bioedilizia. La bioedilizia sta conquistando sempre più persone ma in che termini è giusto parlare di edilizia bio senza cadere in facili trovate commerciali concepite sull’onda del “tutto green”.

Insieme a Friul Wood House che si occupa di case in bioedilzia in Friuli cercheremo di capire quando è effettivamente corretto parlare di bioedilizia.

Un edificio per essere considerato biologico deve rispettare determinati requisiti. Prima di tutto per la sua costruzione deve essere impiegata la minor quantità possibile di risorse dove per risorse intendiamo elettricità ed acqua. Una casa in bioedilizia ideale è realizzata in altre parole attraverso un processo caratterizzato da bassissimi livelli di Co2. Oltre che i consumi di risorse, la costruzione delle case in legno deve richiedere la più bassa possibile quantità di scarti di lavorazione

Una casa in bioedilizia deve naturalmente essere costituita da materiali al 100% biologici o qualora non lo siano di provenienza certificata o ancora provenienti da un attento ciclo di lavorazione di materiali inerti.

Non crediate che la bioedilizia attuale utilizzi fango e paglia come siamo abituati a concepire quando parliamo di materiali biologici. Questo modo di costruire utilizza materiali usati da secoli ma attualizzati per garantire alle case ecologiche il massimo livello di comfort abitativo. Parliamo di materiali come la fibra di cocco, la fibra di cellulosa e la canapa.

Non dimentichiamoci inoltre che se per bioedilizia consideriamo nello specifico il settore delle case in legno non ci sono limiti alla possibilità di personalizzazione. Non solo potremmo pensare di progettare una casa secondo quelle che sono le nostre esigenze ed i nostri desideri ma potremmo anche pensare di realizzare edifici a più piani, caratterizzate comunque dalla massima stabilità e prestazioni energetiche.

La bioedilizia si sta rivelando un’ottima risorsa per lo sviluppo sociale e culturale di certe nazioni del terzo mondo, in cui la scarsità di mezzi e risorse guarda alla bioedilizia come strumento per la realizzazione di scuole e di edifici civili realizzati con materiali presenti in loco oppure abilmente riciclati.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*